Tipologie di vendita con Google Ads

Google Ads Remarketing

Scritto da Studio Ranking

30 Settembre 2021

Vendita diretta, remarketing e Cross-Channel Remarketing


Guardiamo nel dettaglio le varie tipologie di vendita attraverso Google Ads.
Google Ads: vendere ad un pubblico che cerca esattamente il prodotto commercializzato

Il primo tipo di vendita che è possibile ottenere con Google Ads è quello che sfrutta la ricerca sul motore con parole chiave.
L’utente effettua la ricerca e, nella pagina dei risultati della ricerca, gli verranno mostrati degli annunci pertinenti con quello che stava cercando (come spiegato nei paragrafi precedenti). L’utente è portato a cliccare su un annuncio e verrà dirottato sul sito dell’editore (l’azienda che sponsorizza l’annuncio) per effettuare (con molta probabilità) un acquisto o, comunque, una interazione (compilazione di un modulo, registrazione ad un servizio, ecc.).

Google: vendita ad un pubblico che cerca il prodotto commercializzato

Google Remarketing: vendere alle persone che hanno visitato un sito web o una app.

Il remarketing è una tecnica che permette di mostrare alle persone delle inserzioni pubblicitarie relative a contenuti verso cui hanno mostrato interesse visitando un sito web o una app.

Installando una porzione di codice fornita da Google (tag di remarketing) sulle pagine del sito web è possibile tracciare i comportamenti delle persone che lo visitano.

In pratica installando il tag di remarketing viene lasciato un cookie sul computer del visitatore in cui vengono registrati i comportamenti che compie sul sito web. Se ad esempio il visitatore si interessa ad un prodotto su un e-commerce nel cookie viene registrato a quale prodotto si è interessato.

Successivamente, l’utente visualizzerà un annuncio sui siti della Rete Display di Google (una rete di aziende che hanno scelto di mostrare gli annunci pubblicitari di Google su una area del loro sito) in cui viene pubblicizzato lo stesso prodotto a cui era interessato nell’e-commerce che aveva visitato in precedenza.

Avendo già mostrato interesse al prodotto (visitando il sito precedente), facendogli vedere di nuovo lo stesso prodottosarà nuovamente e maggiormente sollecitato a cliccare sull’annuncio e a visitare di nuovo il sito originario per effettuare (con buone probabilità) l’acquisto.

Nella figura sottostante si può vedere lo schema di azione del remarketing su rete display di Google.

Google Remarketing

Cross-Channel Remarketing: vendere attraverso una sinergia tra il remarketing di Google ed il retargeting di Facebook

Il Cross-Channel Remarketing è una tecnica che sfrutta più canali pubblicitari per stimolare un utente all’acquisto. In questo caso analizzeremo i canali Google Ads e Facebook Ads.

Per poter tracciare le azioni dell’utente che visita il sito è necessario che siano installati gli script di Google e quelli di Facebook in modo che possano essere inseriti i cookie necessari sul computer del visitatore.

Questa tecnica prevede che venga fatta una campagna pubblicitaria attraverso Google Ads. La pubblicità porterà degli utenti sul sito web dell’inserzionista, alcune acquisteranno ed altre no.

Alle persone che non hanno effettuato l’acquisto è possibile far rivedere il prodotto (o il servizio) attraverso il “remarketing” sul circuito dei siti della Rete Display di Google in modo da stimolare l’acquisto.

Unendo il remarketing sulla rete Google al retargeting su Facebook possiamo riproporre il medesimo prodotto a cui era interessato l’utente anche su Facebook in modo da rafforzare, ulteriormente, l’incentivo all’acquisto.

Cross-Channel Remarketing: Google + Facebook

Potrebbe interessarti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
Contattaci su WhatsApp